BAUNEI – LUOGHI DA VISITARE SARDEGNA

Uscendo da Dorgali e superato a sinistra il bivio per Cala Gonone, la strada sale per una ventina di chilometri in un ambiente solitario e selvaggio inoltrandosi nel cuore di un’ampia regione carsica incisa da gole profonde e coperta da folti boschi di lecci alternati a una rada macchia mediterranea, fino a raggiungere il passo di Genna Silana (1017 m), toponimo composto dalla voce sarda yenna/genna – dal latino ianua (“porta”) – molto diffusa in tutta l’isola.

Da qui inizia la discesa verso Baunei, distante circa 28 chilometri, con le sue bianche case rannicchiate ai piedi di ripidi bastioni calcarei; dal paese, vera e propria balconata sulla regione dell’Ogliastra, lo sguardo spazia in lontananza oltre la pianura che si apre ai suoi piedi, fino alla punta di Capo Bellavista, sulla quale sorge Arbatax.

Capoluogo di un territorio dalle grandi risorse marine, Baunei è tuttavia un borgo di aspetto montano e di consolidata tradizione pastorale, che trovava un tempo la sua consacrazione sull’altopiano del Golgo, oggi pressochè deserto, al quale si accede con una strada che sale sulla sinistra alle porte dell’abitato e acquista rapidamente quota con alcuni tornanti, per poi proseguire sull’arido tavolato fino a un quadrivio distante una decina di chilometri. Continuando dritti si arriva alla chiesetta campestre di San Pietro, con la sua cintura di cumbessìas, unica compagnia nel suo ascetico isolamento; prendendo invece la diramazione di destra si incontra un bosco di lecci sul bordo di alcune vasche naturali, denominate As Piscinas, dove è possibile lasciare la macchina per raggiungere il bordo di Su Sterru, la voragine più profonda d’Europa, un budello che si insinua per quasi 300 metri nel ventre della terra.

In pratica la visita di Baunei si riassume nell’esplorazione dell’altopiano che lo sovrasta, dal quale si può scendere verso il mare in direzione di Cala Goloritzè (con sentiero facile descritto a parte), Cala Mariolu, su terreno accidentato e pericoloso, e Cala Sisine, alla quale conduce la lunghissima, omonima codula. L’unico segno di una presenza umana nella zona, a parte le capanne di pastori, è il ristorante Il Golgo, punto di ristoro quanto mai gradito soprattutto nel periodo estivo. (Per informazioni tel. 0782 610675).

Di particolare interesse paesaggistico, ma questa volta raggiungibile in auto dalla statale 125 a valle di Baunei, è anche l’aguzzo pinnacolo di Sa Pedra Longa, una vertiginosa guglia alta 128 metri sul mare.

VEDI APPARTAMENTI VACANZE

No Comments Yet.

Leave a Comment

You must be logged in to post a comment.